lunedì 3 ottobre 2011

Stasera assemblea di Scuola Futura sul taglio alle scuole carpigiane

Il 22 settembre scorso nel corso del consiglio comunale l'assessora Filippi ha reso ufficiale la sua proposta di tagliare le scuole elementari e medie di Carpi costituendo solo 4 Istituti comprensivi molto affollati (fino a 1600 alunni) invece dei 5 che potevano essere ipotizzati visti i numeri in gioco. Questo comporterà la perdita di numerosi posti di lavoro - bidelli in particolare ma anche personale di segreteria - che, oltre a creare un grosso disagio economico ai lavoratori interessati, si tramuterà in grosse difficoltà di carattere organizzarivo-funzionale e una riduzione della sorveglianza e quindi sicurezza dei nostri figli; scuole così numerose poi, rendono complessa la gestione, anche per il gran numero di sedi da seguire, e si riflettono inevitabilmente in un peggioramento della qualità della scuola di base carpigiana.

Lascia perplessi che l'assessora del PD operi scelte che vanno ben oltre il dettato della ministra Gelmini e si renda responsabile di tagli che si aggiungono e peggiorano quelli operati dal governo. E tutto questo nonostante una delibera regionale che invita i comuni a prevedere la formazione di istituti comprensivi che vadano da 800 ad un massimo di 1200 alunni, abbassando del 20% il limite minimo di 1000 imposto dalla manovra.

Da parte nostra abbiamo già chiesto al presidente del consiglio comunale che si tenga una seduta aperta al dibattito prima della delibera dell'Unione Terre d'Argine, in modo che tutti i cittadini possano esprimere la loro opinione sulla questione.

Riguardo poi al pronunciamento dei consigli di istituto che l'assessora sbandiera come un lasciapassare alla sua proposta di tagli, occorre ricordare che questi si sono avuti prima della proposta del governo nella manovra che ha rimescolato le carte, e per questo chiediamo che essi vengano riconvocati dopo la seduta pubblica cittadina che proponiamo.

Sarà inoltre importante coinvolgere i sindacati, non solo di categoria ma anche confederali, perchè la loro voce non può essere ignorata in una decisione che ha così tanti risvolti legati al lavoro.

Per definire le strategie utili a rispondere all'attacco ai circoli e ai comprensivi, proponiamo di incontrarci

*Lunedì 3 ottobre alle ore 21*

*presso il Kalinka in Via Tassoni 6 a Carpi*

siete tutti invitati ... che siate genitori, nonni, docenti, bidelli, amministrativi, tecnici, cittadini in generale ... siete/siamo tutti coinvolti in difesa della nostra scuola di base, la scuola dei nostri figli ...

fermare questa scelta scellerata è ancora possibile ...

per l'associazione ScuolaFutura

Francesco Mele