lunedì 28 aprile 2014

Cremeria, Parco Lama, Cappuccina: il verde del PD si fa con i mattoni

Foto Tratta da VOCE
C’è un filo che lega una delle ultime delibere di giunta dell’amministrazione Campedelli in materia urbanistica, con alcuni luoghi simbolo della cementificazione del territorio carpigiano.
Il 7 aprile la giunta ha approvato il progetto PRELIMINARE A3 n. 31/14 “Progetto per la realizzazione di un nuovo Centro Diurno/Care Residence per anziani nel Comune di Carpi”, opera meritoria e necessaria, ma dove decide di farla?  
Nell’area verde cosiddetta della Cappuccina, ovvero nell’area che solo due anni fa, in un consiglio comunale aperto, l’assessore Tosi elencava tra i grandi polmoni verdi urbani di Carpi (che tali sono fin che non ci mette mano il PD).
Il PRG scaduto la destinava a verde pubblico, ma com’è noto se è “impossibile”, secondo la nostra amministrazione, cambiare la destinazione di aree edificabili per farle tornare agricole o verdi (altri comuni, con più coraggio, lo hanno fatto), non c’è nessun problema nel far diventare un’area prevista dal PRG a verde, come edificabile.
Il PRG da “intoccabile”, quando si tratta di aree verdi, diventa improvvisamente “malleabile”…

Ma cosa lega la prossima cementificazione della Cappuccina a quelle della Cremeria e del “parchetto” Lama?
Mettiamole in fila.
Nel 2008, il comune approva una variazione di destinazione d’uso dell’area verde della ex Cremeria, per consentire ai proprietari privati, di “rinunciare” a fare una struttura per anziani e costruire invece appartamenti di pregio.
Massima resa per chi costruisce, una mancia al comune per tirar su un piano del Carpine, un giardinetto per la citta al posto di un’area di diecimila metri quadri di campagna originale, dentro il perimetro urbano.
La destinazione “pubblica”, che prevedeva una struttura per anziani,  sacrificata all’interesse privato e fine della fiera.
Costruisce la CMB

Poco dopo, il Coordinamento Beni Comuni di Carpi fa partire la campagna di informazione su quello che sta per avvenire nell’area oltreferrovia, tra Piano di Riqualificazione Urbana e comparti del prg che avanzano e che minacciano di asfaltare completamente tutta l’area compresa tra la ferrovia e via Cavata.
Dalla battaglia della Cremeria a quella per “l’oltreferrovia”.
Rifondazione Comunista e Carpi 5 Stelle mettono nel loro programma elettorale del 2009 lo stop alla cementificazione dell’area, nel frattempo la crisi fa finalmente rallentare alcuni dei progetti previsti (ma non li ferma del tutto, andate a vedere la villettopoli che intanto si è sviluppata che si affaccia su via Due Ponti) e si mobilita un comitato di cittadini che chiede l’istituzione di un “Parco Lama”.
Il successo del comitato, poi trasformato in associazione, obbliga l’amministrazione a qualche intervento di facciata, su uno dei comparti, previsti nell’area, di proprietà della CMB.
Dopo un paio d’anni di iniziative pubbliche e pressioni, il PD cede,  chiama la CMB e riesce ad ottenere la non costruzione di edifici su via Corbolani e la riorganizzazione delle aree verdi, unite in modo da formare un corridoio(ino) verde, in mezzo alle costruzioni previste del comparto.
Alla CMB si promettono “compensazioni”, in termini di diritti di edificazione in altre aree (non meglio specificate).
Tutto quello previsto dagli altri comparti, al momento non viene rimesso in discussione, il PRU che prevedeva un delirio di hotel, centro commerciale, parcheggi e un paio di centinaia di appartamenti) sospeso, più per evidente coma del mercato che non per ripensamenti “verdi” della giunta, ma, vado a memoria, non mi risulta ci sia stata nessuna modifica sulla destinazione d’uso di quell’area,  (su questo punto, se qualcuno ha buone notizie faccia sapere).
 I potenziali edificatori quindi sono ancora tutti lì con buona pace della viabilità della zona, dato che nel frattempo il mitologico sottopasso di via Due Ponti è scomparso dai radar, mentre per quello di via Roosevelt si passa da un’ipotesi fantasiosa all’altra, tutte esterne alla giunta, senza che la giunta dia mai una risposta vera.
Così passa il 2013.

Arriviamo ad oggi, appunto all’ultima delibera: a Carpi serve una struttura per gli anziani (torna alla riga quattro di questo gioco dell’oca del mattone…)
Un milione e centomila euro di base di appalto, da costruire, appunto , su terreno pubblico destinato a verde, su quell’area che solo due anni fa gli amministratori PD (e altri, vedi il giornale della Curia Notizie) indicavano come vero parco urbano “alternativo” al Parco Lama.
Risultato: la Cremeria, cementificata e variazione d’uso da pubblico a privato; Oltreferrovia cementificato perché non si possono cambiare le destinazioni d’uso e approvato, a mercato immobiliare fermo, un piano particolareggiato, che è servito solo ai proprietari dell’area per porre un punto di “non ritorno” sul destino dell’area, facendo il “beau geste” di spostare qualche mattone per far credere di avere risposto ai migliai di cittadini che chiedevano di non cementificare l’area;  Capuccina, che da area verde verrà utilizzata per una struttura di servizio pubblico.
Nel primo caso il costruttore era CMB, nel secondo è CMB, nel terzo si vedrà chi si aggiudicherà l’appalto (qualcuno vuole azzardare ipotesi?)

Il tutto ovviamente nell’ottica del “Consumo Zero del Territorio” previsto dal programma elettorale del PD e del suo candidato sindaco Bellelli, che per inciso, era in giunta sia all’epoca della Cremeria, che del Parco Lama, che della Cappuccina. Il nuovo che avanza (di verde ne avanza meno).