domenica 5 ottobre 2014

Ci siamo - di Norma Rangeri

Questo il link all'editoriale di Norma Rangeri di oggi  (a cui rubo anche l'illustrazione di Biani qua accanto).

Come per l'intervento di Airaudo di ieri, mi ritrovo in queste parole, nel senso che in questa fase, sperimentare e dare fiducia a nuove partenze, per me è una consuetudine e, del resto, la credibilità di un progetto del genere, si farà presto a misurarla, a partire dalla qualità dei partecipanti e dalla coerenza degli atti che dovranno seguire a queste le parole, per il domani.

Per quanto mi riguarda e per il qui ed ora, personalmente non ho ancora visto ragioni valide per le quali alle elezioni regionali, il progetto Altra Europa non abbia potuto ripetersi nella stessa forma delle europee, ma francamente la cosa adesso mi pare anche di scarso rilievo.
Nel mio piccolo, non ho problemi a mischiare la mia storia con quella di altri, se gli obiettivi sono chiari e se si arriva a praticare una democrazia effettiva (e il percorso su come si prenderanno le decisioni fondamentali è ancora tutto da fare, per questo può essere potenzialmente molto interessante parteciparvi).

In ogni caso, se per le elezioni regionali non si è riusciti a perseguire l'unità delle forze di sinistra,  ognuno si assumerà le proprie responsabilità, poi passeranno anche queste, e sarà inutile starsi a incaponire su quello che poteva essere ma non è stato.
Credo però, che tutti insieme si dovrà prendere atto che  non ci sono alternative al costruirsi la propria, di alternativa, rispetto al blocco di potere che oggi governa il paese, possibilmente riconoscendo una volta per tutte che il "partitone" è uno a Roma come in periferia, altrimenti ci stiamo prendendo in giro.

Per quanto mi riguarda, con il PD si tornerà a "parlare", se e quando si sarà stati capaci di raccogliere i consensi e la forza necessaria per essere determinanti per obbligarlo a tornare ad essere di sinistra, altrimenti, di mosche cocchiere ne ho già viste abbastanza e credo non ne servano altre.

Quindi, per quanto mi riguarda, quel po' di tempo e di energie residue che avrò nei prossimi due mesi, intanto li dedicherò a l?Altra Emilia Romagna.
Se poi nel frattempo, a livello nazionale, qualcosa avanzerà e sarà libero da leaderismi e carrierismi, sarò ben felice di parteciparvi.